Ricerca:

 
 
 
   

 

 

su GeoExpo

Geologia

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27

 
 


 



   



















 

 DF0402
   
       Rilevamento geomorfologico e cartografia
Realizzazione - Lettura - Interpretazione 

Anno: 2015
Pagine: 360
Formato 17x24
ISBN 9788857904023

Indice e abstract

 
Euro 45,00
 
- 15%
Euro 38,25
 

 
 
Disponibilità: Sconto 15% + spese gratis
 

Rilevamento geomorfologico e cartografia
Realizzazione - Lettura - Interpretazione

Premessa

Quando all’inizio del 2013 Dario Flaccovio ci ha proposto di scrivere un testo che avesse come tema la geomorfologia, dopo qualche naturale esitazione, peraltro subito rimossa, abbiamo accettato volentieri e con slancio questo nuovo impegnativo incarico.

Le motivazioni che ci hanno spinto ad accettare sono state diverse, prima tra tutte la ferma convinzione che una disciplina come la geomorfologia sia da valorizzare e divulgare, soprattutto sotto l’aspetto tecnico applicativo, tramite il rilevamento geomorfologico di campagna.

Siamo decisamente convinti, infatti, che il corretto approccio per lo studio e la ricerca delle caratteristiche fisiche dell’ambiente che ci circonda siano possibili principalmente attraverso il rilievo diretto di terreno e solo secondariamente mediante le metodologie di rilevamento a distanza con opportune tecniche strumentali.

Questo testo è stato concepito sulla base della nostra lunga esperienza lavorativa, come geomorfologi del Servizio geologico d’Italia, maturata nel campo del rilevamento geologico-geomorfologico e della cartografia geotematica, in diversi contesti del territorio nazionale caratterizzati da differenti ambienti morfogenetici.

Teniamo a precisare che questo non è, e non intende essere in alcun modo, un testo di base di geomorfologia.

Nel nostro Paese alcuni stimati accademici hanno prodotto trattati di questo tipo, con finalità soprattutto scientifiche e didattiche, rivolte principalmente agli studenti dei corsi universitari afferenti alle Scienze della Terra.

Pertanto, nel volume, dando per acquisite le principali nozioni fondamentali, abbiamo cercato di ridurre all’essenziale le definizioni, gli aspetti speculativi e i concetti teorici della geomorfologia, soffermandoci maggiormente, invece, su questioni concrete ed applicative.

In quest’ottica ci siamo posti l’obiettivo di fornire una serie di considerazioni e di indicazioni pratiche che, a nostro avviso, possono risultare di grande utilità agli operatori del settore e costituire, speriamo, una guida da adottare per il rilevamento geomorfologico e un ausilio nella lettura e nell’interpretazione delle carte geomorfologiche.

Il testo è stato, infine, arricchito con tre appendici; due delle quali trattano interessanti argomenti attualmente molto dibattuti.

Il primo tocca alcune questioni concettuali nei confronti dei processi gravitativi di versante, diffusamente presenti nel nostro Paese, e del loro stato di attività. Relativamente a questi fenomeni naturali esiste, infatti, una copiosa letteratura di riferimento, non sempre univoca, soprattutto per quanto concerne alcune classificazioni, metodologie di indagine e di monitoraggio.

Il secondo riguarda, invece, i principali metodi di datazione utilizzati in campo geomorfologico con chiari riferimenti ai loro limiti di affidabilità e di applicabilità e ai risultati ottenibili. Al fine di fornire uno strumento operativo, soprattutto per coloro che intendano utilizzare professionalmente le tecniche del rilevamento.

In una terza appendice è stato inserito un elenco di simboli per carte geomorfologiche a media e grande scala, che, ad eccezione di alcune modifiche ed integrazioni, si basa ampiamente su quanto proposto nelle Guida al rilevamento della Carta geomorfologica d’Italia – 1:50.000, edita dal Servizio geologico nazionale (Brancaccio et al., 1994).

 

Indice

Presentazione
Premessa
Ringraziamenti .
1. Introduzione alla geomorfologia
1.1. Finalità della geomorfologia
1.2. Cos’è una forma?
1.3. Agenti e processi morfogenetici
1.4. Forme poligeniche, fenomeni di convergenza geomorfologica e di inversione del rilievo
1.5. Criteri di classificazione utilizzati nella cartografia geomorfologica
1.5.1. Criteri morfografici
1.5.2. Criteri morfometrici
1.5.3. Criteri morfogenetici
1.5.4. Criteri morfodinamici
1.5.5. Criteri morfocronologici
2. La cartografia geomorfologica
2.1. Cenni introduttivi
2.2. Alcuni cenni storici sulla cartografia geomorfologica
2.3. Scelta della scala di rappresentazione nella cartografia geomorfologica
2.4. Linee guida per la realizzazione di una carta geomorfologica: l’esperienza del Servizio geologico d’Italia
2.4.1. Aspetti generali
2.4.2. La carta geomorfologica secondo le Linee guida al rilevamento del Servizio geologico d’Italia
2.4.2.1. Definizione
2.4.2.2. Contenuti
2.4.2.2.1. Dati topografici
2.4.2.2.2. Dati idrografici
2.4.2.2.3. Dati morfometrici
2.4.2.2.4. Dati litologici
2.4.2.2.5. Dati tettonici
2.4.2.2.6. Dati morfogenetici
2.4.2.2.7. Dati morfocronologici
2.4.2.2.8. Dati morfodinamici
2.4.2.3. Criteri di rappresentazione dei dati
2.4.2.4. Elementi a corredo della carta geomorfologica
2.5. La produzione cartografica geomorfologica ufficiale alla scala 1:50.000
2.5.1. Foglio Belluno
2.5.2. Foglio Anagni
2.5.3. Foglio Tagliacozzo
2.5.4. Foglio Città di Castello
2.5.5. Foglio Monte Etna
2.5.6. Foglio isola d’Elba
3. Il rilevamento geomorfologico
3.1. Introduzione
3.2. La raccolta dei dati esistenti
3.2.1. Basi topografiche
3.2.2. Foto aeree
3.2.3. Ortofotocarte
3.2.4. Carte geologiche e geotematiche, documenti storici,
pubblicazioni scientifiche, relazioni e rapporti tecnici
3.3. Fotointerpretazione
3.3.1. Ripresa aerea ed elementi caratteristici di una foto aerea
3.3.2. La scala di un fotogramma
3.3.3. Visione stereoscopica e stereoscopio
3.3.4. La fotointerpretazione in geomorfologia
3.3.5. Parametri delle foto aeree
3.3.5.1. Tono
3.3.5.2. Tessitura
3.3.5.3. Pattern di drenaggio
3.3.6. La restituzione dei dati
3.4. Caratteri generali delle attività di terreno
3.4.1. Tempi e organizzazione
3.4.1.1. Indagini preliminari
3.4.1.2. Rilevamento diretto di terreno e raccolta dati
3.4.1.3. Sintesi ed elaborazione dei dati di terreno
3.5. Rilevamento delle forme di erosione e di accumulo
3.5.1. Forme d’erosione e d’accumulo
3.5.2. Processi che hanno generato le forme
3.5.3. Caratteristiche geometriche di una forma
3.5.4. Determinazione dello stato di attività
3.5.4.1. Problematiche
3.5.4.2. L’attività delle forme nella comune pratica cartografica
3.5.4.3. Determinazione dello stato di attività mediante un’analisi qualitativa
3.5.4.4. Definizione dell’evoluzione delle forme mediante tecniche strumentali di rilievo territoriale
3.5.4.4.1. Paline e dischetti metallici nelle misure dirette dell’intensità della denudazione .
3.5.4.4.2. Gli estensimetri .
3.5.4.4.3. Gli estensimetri multibase o di profondità
3.5.4.4.4. I distometri
3.5.4.4.5. I fessurimetri
3.5.4.4.6. Gli inclinometri a sonda
3.5.4.4.7. La tecnica radar
3.5.4.4.8. La tecnica di rilevamento laser
3.5.4.4.9. Il rilievo geodetico-topografico
3.5.4.4.10. Il rilievo GPS
3.5.5. Determinazione dell’età di una forma
3.5.5.1. Campionamento per la datazione con il metodo del radiocarbonio
3.5.5.2. Campionamento per la datazione con il metodo 230Th/234U
3.5.5.3. Campionamento per la datazione con il metodo OSL
3.5.6. Ulteriori informazioni utili ai fini del rilevamento
3.6. Le modalità di registrazione in campagna dei dati
3.6.1. Carta topografica
3.6.2. Libretto di campagna
3.6.3. Immagini fotografiche digitali
3.6.4. Tablet PC
3.7. Rilevamento dei depositi superficiali
3.7.1. Metodologie d’indagine
3.7.1.1. Indagini speditive nel primo sottosuolo mediante strumentazione leggera portatile
3.7.1.1.1. Trivella portatile manuale
3.7.1.1.2. Trivella portatile a motore
3.7.1.2. Indagini nel primo sottosuolo mediante scavi e trincee con escavatore meccanico
3.7.1.3. Indagini mediante sondaggi meccanici
3.7.1.4. Indagini per mezzo di prove penetrometriche
3.7.1.5. Indagini geofisiche
3.7.1.5.1. Metodi geoelettrici
3.7.1.5.2. Metodi sismici
3.7.2. Cenni sulla descrizione degli affioramenti
3.7.2.1. Spessore
3.7.2.2. Geometria
3.7.2.3. Granulometria
3.7.2.4. Classazione
3.7.2.5. Tessitura
3.7.2.6. Addensamento
3.7.2.7. Consolidazione
3.7.2.8. Cementazione
3.7.2.9. Caratteristiche dei clasti e della matrice
3.7.2.9.1. Litologia
3.7.2.9.2. Alterazione
3.7.2.9.3. Morfologia dei clasti
3.7.2.10. Strutture sedimentarie primarie
3.7.2.10.1. Strutture stratificate e laminate
3.7.2.10.2. Strutture gradate
3.7.2.10.3. Strutture da trazione
3.7.2.10.4. Strutture di erosione
3.7.2.10.5. Strutture da trasporto in massa
3.7.2.10.6. Strutture deformative
3.7.2.10.7. Strutture biogene
3.7.2.10.8. Strutture chimiche primarie
3.7.2.11. Strutture sedimentarie secondarie
3.7.2.12. Colore
3.7.2.13. Superfici di discontinuità
3.7.2.14. Strutture da deformazione tettonica e gravitativa
3.7.2.15. Facies e ambiente deposizionale
3.7.3. Depositi colluviali, prodotti eluvio-colluviali, suoli e paleosuoli
3.7.3.1. Depositi colluviali e prodotti eluvio-colluviali
3.7.3.2. Suoli e paleosuoli
3.7.4. Alcune modalità e tecniche di campionamento
4. L’informatizzazione dei dati di Valerio Noti
4.1. L’impiego degli strumenti informatici nella geomorfologia
4.2. I sistemi informativi geografici
4.2.1. Concetti fondamentali dei GIS
4.2.2. Rappresentazione dei dati: vettoriale e raster
4.2.3. Il database degli attributi
4.2.4. Tipologie di dati
4.2.5. La vestizione dei geodati
4.3. Il concetto di scala in un GIS: la scala nominale
4.4. L’analisi spaziale (geoprocessing)
4.5. I modelli digitali di elevazione (DEM)
4.5.1. Definizioni
4.5.2. Utilizzo dei DEM nelle Scienze della Terra
5. Cenni sull’allestimento e la stampa di una carta geomorfologica in formato digitale
5.1. Dall’originale di campagna alla carta digitale
5.1.1. Reperimento della base topografica digitale
5.1.2. Vettorializzazione
5.1.3. Vestizione della carta
5.1.4. Allestimento finale della carta
6. La stesura di note esplicative
6.1. Generalità
6.2. Principali argomenti trattati
7. Lettura ed interpretazione delle carte geomorfologiche
7.1. Introduzione
7.2. Lettura di una carta geomorfologica
7.2.1. Indicazioni generali
7.2.2. Esempi di lettura ed interpretazione
7.2.2.1. Carta geomorfologica di un’area dell’Alta Valtellina (SO)
7.2.2.2. Carta geomorfologica dell’isola di Pianosa (Arcipelago Toscano)
7.2.2.3. Carta geomorfologica della conca intermontana di Oricola-Carsoli (AQ)
Appendice A1.
Considerazioni sui fenomeni franosi e sul loro stato di attività

A1.1. Aspetti generali
A1.2. Le frane nella cartografia geologica e geomorfologica ufficiale
A1.3. Tipo di movimento
A1.4. Velocità del movimento
A1.5. Stato di attività
A1.6. Approccio metodologico allo studio di una frana
A1.7. Conclusioni
Appendice A2.
Principali metodi di datazione delle forme e dei depositi

A2.1. Metodi siderali
A2.1.1. Dendrocronologia
A2.1.2. Metodo delle varve
A2.1.3. Dati storici
A2.2. Metodi isotopici
A2.2.1. Radiocarbonio
A2.2.2. Isotopi cosmogenici
a2.2.3. Metodo 40K/40Ar e 39Ar/40Ar
A2.2.4. Serie dell’uranio
A2.3. Metodi radiogenici
A2.3.1. Luminescenza termicamente (TL) e otticamente stimolata (OSL)
A2.3.2. Electron Spin Resonance (ESR)
A2.3.3. Tracce di fissione
A2.4. Metodi chimici e biologici
A2.4.1. Lichenometria
A2.5. Metodi geomorfologici
A2.5.1. Pedocronologia
a2.5.2. Morfostratigrafia
A2.6. Metodi basati sulle correlazioni
A2.6.1. Tefrocronologia
Appendice A3.
Simbologia per carte geomorfologiche a media e grande scala

A3.1. Indicazioni generali sull’uso della simbologia
Bibliografia
 
Indice e Abstract
 

 

 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  


Geofisica applicata all'archeologia e ai beni monumentali

 

Rilevamento geomorfologico e cartografia

 

Metodi elettromagnetici in geofisica applicata

 

Geologia Forense

 

Terre e rocce da scavo

 

Terre rinforzate

 

Geologia delle frane

 

Fondamenti di geologia per l’ingegneria

 

Realizzare e leggere carte e sezioni geologiche

 

Siti contaminati

 

Onde di superficie in geofisica applicata

 

Geologia del Quaternario

 

Difesa delle coste e ingegneria naturalistica

 

Le unità di paesaggio

 

La geologia nella pratica edilizia

 

Geologia del sedimentario

 

La notte dell'Aquila

 

VAS valutazione ambientale strategica

 

Studi e procedure di valutazione impatto ambientale

 

Rischio idraulico e difesa del territorio

 

Rocce sedimentarie

 

Geofisica applicata (II edizione)

 

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani

 

Le cave

 

Ambiente urbano

 

Geologia ambientale

 

I suoli della Sicilia

 



   



















 

su GeoExpo

Geologia

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27

 
     
   

Info commerciali:

Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 091 6700686 - fax 091 525738 - email 

Info sito web:

GeoExpo by GEO group s.r.l. - tel. 0825 824256 - fax 0825 825363 - email 
   
Home Page geologi.it bar-2
bar-3