Ricerca:

 
 
 
   

 

 

su GeoExpo

Geotecnica

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21

 
 


 



   



















 

 DF8830
   
       Approccio geotecnico sugli effetti della risposta sismica locale
Guida aggiornata agli eurocodici e NTC 2018 con esempi pratici sull’analisi in 1D e 2D 

Autore:
Faustino Cetraro
 

Anno: 2019
Pagine: 240
Formato 17x24
ISBN 9788857908830
Indice e abstract

 
Euro 42,00
 
- 15%
Euro 35,70
 

 
 
Disponibilità:
 

Con l’entrata in vigore delle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018) è cambiato l’approccio progettuale sulle verifiche sismiche per le opere strutturali.

In particolare, è stata eliminata la possibilità di utilizzare il metodo alle tensioni ammissibili anche per le zone a basso quoziente sismico.

Inoltre, è stato revisionato il criterio per la classificazione del sottosuolo, precisando che qualora non fosse possibile rientrare in tale situazione è necessario valutare l’effetto della risposta sismica locale con specifiche analisi.

Il testo Approccio geotecnico sugli effetti della risposta sismica locale, aggiornato agli eurocodici e alle NTC 2018, con una trattazione volutamente semplificata, con poche formule ed evidenziando solo i concetti ritenuti essenziali, fornisce le informazioni necessarie per eseguire una corretta analisi di risposta sismica locale.

Si parla anzitutto di pericolosità sismica del territorio italiano valutato sotto l’aspetto normativo.

Poi con l’uso delle mappe interattive, utili per avere un quadro delle aree più pericolose in Italia, si valutano i contributi dei differenti scenari sismici delle sorgenti sismogenetiche.

Quindi, sulla base di queste informazioni si identifica l’azione sismica, definita per mezzo di accelerogrammi rappresentativi del moto del suolo e da utilizzare nelle analisi di risposta sismica.

All'interno del libro Approccio geotecnico sugli effetti della risposta sismica locale sono richiamati tre modi per ottenere quanto detto
Il primo si avvale dell’applicazione online REXLite, una versione semplificata del programma REXEL (Iervolino et al., 2009), che estrae i file accelerometrici da ITACA (Italian Accelerometric Archive).

Il secondo utilizza il servizio SEISM-HOME sviluppato dalla fondazione EUCENTRE (European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering) ed in ultimo con il programma OpenSignal (Cimellaro & Marasco, 2015).

Dopo aver definito l’azione sismica si procede alla ricostruzione geotecnica del sottosuolo con i modelli di comportamento lineari e non lineari, indispensabili per approssimare le reali condizioni nelle simulazioni numeriche.

Si conclude con diversi esempi pratici sulla risposta sismica locale in campo 1D con il programma DEEPSOIL (Hashash et al., 2016) e in campo 2D con il programma QUAKE/W della GeoStudio®.

 

Premessa
1. Pericolosità sismica di base per il territorio italiano
1.1. Definizione di pericolosità sismica e riferimenti normativi
1.2. Accelerazione di picco al suolo (PGA) e periodo di riferimento
1.3. Spettro di risposta elastico
1.4. Cenni sulla normativa europea – l’Eurocodice
1.5. Cenni sulla normativa italiana
1.6. Definizione della pericolosità sismica di base con il metodo semplificato
1.7. Importanza della vita nominale e del coefficiente d’uso
1.8. Influenza della categoria di sottosuolo in termini di spettro elastico di progetto
1.9. Influenza della categoria topografica sullo spettro elastico di progetto
1.10. Spettro di progetto per la componente orizzontale
1.11. Bibliografia
2. Disaggregazione della pericolosità sismica
2.1. Concetto di disaggregazione in termini di magnitudo e distanza
2.2. Mappe interattive di pericolosità sismica
2.3. Scelta dei valori per la magnitudo e per la distanza
2.4. Bibliografia
3. Accelerogrammi nelle analisi di risposta sismica
3.1. Definizione dell’azione sismica
3.2. Accelerogrammi sintetici
3.3. Accelerogrammi artificiali
3.4. Accelerogrammi naturali
3.5. Operazione di scalatura sugli accelerogrammi
3.6. Accenno sulla correzione della linea di base del segnale
3.7. Bibliografia
4. Effetti di sito e modelli di suolo
4.1. Definizione e aspetti sugli effetti di sito
4.2. Cause per gli effetti di sito
4.3. Modelli di comportamento del suolo
4.4. Modelli per le curve iniziali
4.5. Modellazione geotecnica
4.6. Bibliografia
5. Analisi numerica monodimensionale
5.1. Modello di analisi monodimensionale
5.2. Analisi della risposta sismica locale mediante il codice di calcolo DEEPSOIL
5.3. Novità per la versione 7
5.3.1. Interfaccia principale
5.4. Bibliografia
6. Metodi di analisi implementati in DEEPSOIL
6.1. Generalità
6.2. Analisi lineare nel dominio della frequenza su substrato rigido
6.3. Analisi lineare nel dominio della frequenza su substrato elastico
6.4. Analisi lineare nel dominio della frequenza per uno strato di terreno con ξ = 5%
6.5. Analisi lineare equivalente su un singolo strato di terreno superficiale.
6.6. Analisi lineare equivalente su un deposito di terreno stratificato
6.7. Analisi non lineare nel dominio del tempo
6.8. Analisi non lineare in presenza di pressioni neutre e forze dissipative
6.9. Guida di esempio per l’analisi della risposta sismica locale 1D
6.10. Spettri di risposta in accelerazione orizzontale elastica normalizzati
6.11. Bibliografia
7. Analisi monodimensionale con il metodo agli elementi finiti
7.1. Breve descrizione sul metodo agli elementi finiti
7.2. Definizione della geometria del problema
7.3. Input sismico per l’analisi dinamica
7.4. Risposta elastica
7.5. Risposta sismica locale 1D con il programma QUAKE/W della GeoStudio®
7.6. Confronto tra l’analisi lineare equivalente e non lineare
7.7. Bibliografia
8. Analisi della risposta sismica locale in 2D
8.1. Gli effetti di sito per la topografia
8.2. Definizione del problema e influenza dell’inclinazione del pendio
8.3. Effetto della frequenza adimensionale dell’onda incidente
8.4. Effetto della profondità sull’altezza del pendio
8.5. Funzioni di amplificazione mediante analisi numerica
8.6. Effetti di bordo
8.7. Spettro di risposta al suolo lungo un pendio rimodellato da due scarpate artificiali
8.8. Spettro di risposta elastico lungo una valle delimitata da due rilievi collinari
8.9. Analisi della risposta sismica locale su una diga in terra
8.10. Risposta sismica locale per un modello di una rupe
8.11. Bibliografia
APPENDICE DEI CAPITOLI
 

 

Indice e Abstract


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  

 DF5945
   
       Jet Grouting
Aspetti teorici e pratici 
96 pagine
Formato: 17x24
Prima Edizione settembre 2016
ISBN 9788857905945
 
Euro 24,00
 
- 15%
Euro 20,40
 

 
 
Disponibilità:
 

Utilissimo libro sul Jet Grouting, tecnica fondamentale per il consolidamento dei terreni.

Arricchito da una forte documentazione grafica e fotografica, è particolarmente indicato per geologi e geotecnici, ma non solo.

Il Jet Grouting è una tecnica volta a migliorare le caratteristiche meccaniche e idrauliche del terreno attraverso l’azione di uno o più fluidi iniettati nel terreno ad altissima velocità.

Rivolto sia a tecnici con esperienza sia a chi si approccia per la prima volta a questa tecnica, il libro offre al lettore l’opportunità di acquisire le conoscenze e gli strumenti necessari per gestire, controllare e analizzare il processo di Jet Grouting.

Nello specifico, dopo un’attenta disamina delle origini, delle principali applicazioni e dell’allestimento di cantiere, l’esposizione affronta i principali parametri di trattamento e il modo in cui gli stessi devono essere valutati al fine di soddisfare le attese progettuali.


 

Premessa .

 

1. Miglioramento delle caratteristiche meccaniche del terreno      

Permeazione           

Disgregazione . 

2. Cenni storici

 

3. Jet Grouting .        

 

4. Jet Grouting e opere d’ingegneria civile           

Opere di contenimento di scavi          

Stabilizzazione di versanti       

Fondazioni e sottofondazioni              

Consolidamento di gallerie .    

Opere idrauliche  . 

 

5. Impianto per l’esecuzione del Jet Grouting  

Impianto di produzione e pompaggio dei fluidi  

Tubazioni flessibili ad alta pressione   

Sonde  .          

 

6. Progettare un intervento in Jet Grouting .        

Esecuzione d’indagini sul terreno per valutare la fattibilità del Jetting              

Scelta della geometria e del dimensionamento dei trattamenti .           

Determinazione parametri operativi (campo prova) .     

Controlli in fase di esecuzione (proprietà miscela e verifica parametri di trattamento) .          

Controlli sul trattamento .          

Difetti riscontrabili durante il trattamento          

 

7. Parametri d’iniezione .                

Richiami di teoria                    

Composizione miscela                       

Portata .

Velocità risalita – Tempo d’insistenza – Tempo di risalita – Velocità di rotazione .             

Volume di fluido – consumo di cemento .                 

Energia associata al trattamento  .                

Pretaglio                      

 

8. Previsioni sul diametro .                         

Relazione empirica                 

 

9. Resistenza a compressione del terreno trattato                    

 

10. Esempio di campo prova                      

Analisi dell’opera da realizzare .                     

Analisi dei sondaggi geognostici e dei risultati delle prove in situ                 

Definizione dello “spettro” di parametri da testare                

Analisi delle evidenze desumibili dal campo prova               

Definizione dei parametri operativi .             

 

11. Bibliografia.                   

Indice e abstract
 

 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  


Approccio geotecnico sugli effetti della risposta sismica locale

 

Jet Grouting

 

Consolidamento fondazioni di strutture in muratura

 

CONTROLLI E PROVE SU PALI DI FONDAZIONE

 

Stima dei parametri geotecnici in geofisica applicata

 

Micropali

 

Analisi e verifica dei pendii

 

Tecniche di consolidamento del terreno

 

La relazione geologica e geotecnica

 

Manuale avanzato di meccanica delle terre

 

Liquefazione dei terreni e fenomeni associati

 

Proteggersi dai terremoti

 

Indagini geognostiche in sito

 

PGS Interpretazione di prove geotecniche in situ

 

Perforazioni a scopo geotecnico e tecniche di consolidamento

 

Introduzione al metodo degli elementi finiti

 

Progettazione geotecnica dei rilevati stradali

 

Prove geotecniche di laboratorio

 

Analisi geotecniche di fondazioni superficiali e pali

 

Fenomeni franosi

 

L'indagine geotecnica

 

Micropali e pali di piccolo diametro

 

Manuale del geotecnico

 

Dinamica dei terreni

 

Prove geotecniche in situ

 

Modellazione geologica e geotecnica

 

Geotecnica

 

Geologia e geotecnica stradale

 

Geologia applicata e ingegneria geotecnica

 

Microzonazione sismica

 

La liquefazione dei terreni

 

Fondazioni

 

Verifica della stabilità dei pendii

 

Sforzo e deformazione

 

Calcolo di paratie

 

Micropali Pali di fondazione Sottopassi e tunnel

 

Le palancole metalliche

 

Meccanica dei terreni

 

Meccanica delle rocce

 

Pali

 

Problemi di geotecnica

 



   



















 

su GeoExpo

Geotecnica

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21

 
     
   

Info commerciali:

Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 091 6700686 - fax 091 525738 - email 

Info sito web:

GeoExpo by GEO group s.r.l. - tel. 0825 824256 - fax 0825 825363 - email 
   
Home Page geologi.it bar-2
bar-3